MALAGRAZIA

5,50 €
Quantità

  • SPEDIZIONI CON TARIFFA MINIMA SPEDIZIONI CON TARIFFA MINIMA
  • DOWNLOAD IMMEDIATO PER I LIBRI IN FORMATO DIGITALE DOWNLOAD IMMEDIATO PER I LIBRI IN FORMATO DIGITALE
  • PAGAMENTO SICURO CON PAYPAL O CARTA DI CREDITO PAGAMENTO SICURO CON PAYPAL O CARTA DI CREDITO

I nostri libri sono disponibili anche in formato elettronico

VAI ALLA SEZIONE EBOOK

Phoebe Zeitgeist 

MALAGRAZIA 

drammaturgia di Michelangelo Zeno

Introduzione di Diego Vincenti

ISBN: 97888-99904159

Copertina: illustrazione di Carmine Luino

Malagrazia ovvero “la grazia che viene dal male”, la straordinaria e controversa capacità umana di resistere alla catastrofe. Ma anche “l'azione fuori dal garbo” e dalla regola data, perché questa è decaduta o è stata dimenticata. In scena due fratelli, rinchiusi o nascosti, soli con il pensiero costante del fuori, di ciò che è stato e di ciò che sarà. Sono orfani che reinventano la propria storia familiare, superstiti che indagano sulle cause della fine, esemplari di una nuova specie, all'alba di una natura tutta da immaginare. Il loro rapporto è fatto di sfida, gioco, prevaricazione e un amore che non ha più le dimensioni del lecito e del comune. Ogni oggetto e ogni ricordo rimasti acquistano un uso nuovo, improprio, paradossale. I due simuleranno mondi passati e presenti, alle prese con pestilenze immaginarie e doveri di Stato, fino alla ricerca dell'origine dell'uomo. Il lavoro mette in scena la vertigine emotiva di un'umanità dilaniata dalla paura di restare sola con sé stessa. 

Phoebe Zeitgeist è un gruppo teatrale fondato nel 2008 a Milano dal regista Giuseppe Isgrò. Ha realizzato spettacoli dai testi di Copi, Ballard, Willliams, Brecht, Pasolini, Fassbinder. La lotta tra parola e corpo e la persistenza dell'immaginario sono gli strumenti poetici di questo gruppo; il potere e il suo riverbero nelle relazioni private è il suo principale tema di ricerca.

Michelangelo Zeno (1987) è scrittore, drammaturgo e regista teatrale. Vive a Milano. Collabora con compagnie, teatri e progetti editoriali. Ha la casa piena di piante che sembrano sempre sul punto di morire.

Il genere umano è fatto per servire a pochi e in pochi siamo rimasti. Eppure dopo che abbiamo costretto il mondo intero a vivere per noi ora noi viviamo per gli altri. Per coloro che ci uccideranno. Per Bruto e per Cassio. Nessuno vive per sé stesso. Ognuno vive per il suo assassino.